il DISCORSO di Chiusura Anno Sociale 2010-2011 del Retiring President arch. GIUSEPPE VELLA

Porto Empedocle 16/07/2011, Hotel dei Pini

Autorità ed Amici Lions, Gentili Signore e Signori, il mio compito, questa sera, è prima di tutto quello di ringraziarvi per essere qui presenti al passaggio della Campana dalle mie mani, President Retiring, a quelle del mio fedele collaboratore Tesoriere nell’appena trascorso Anno Sociale 2010-2011, Presidente Incoming  e soprattutto Amico, Enzo Nucera. Ma non sottovàluto il fatto di avere qui presente anche chi mi abbia preceduto con impegno e dedizione tutti Lionistici, l’amico Past President Giovanni Volpe.

Sembra ieri, ma è trascorso un anno da quel passaggio della Campana che mi ha visto subentrargli quale Presidente del Club, sotto lo sguardo vigile, saggio e costante del Past Governatore dott. Valerio Contrafatto, presente con noi allora come oggi, insieme alla gentile Consorte.

Dall’azione dell’amico Giovanni Volpe, quindi, ho voluto far partire l’anno Sociale di un Club che, per opera di chi allora aveva poteri decisionali e motivazioni di tipo “territoriale”, avendo il Club accolto Soci provenienti anche da altre zone che non fossero quelle citate nella sua denominazione, aveva cambiato non solo il nome del Club da “Siculiana, Eraclea, Capo Rossello” in “Agrigento Chiaramonte”, ma, cambiandone il nome, aveva come “ricreato” il Club, rendendo necessario adeguarne automaticamente anche il simbolo. L’allora Presidente Giovanni Volpe aveva quindi voluto identificare l’ipotesi di un nuovo “simbolo” del Club nel GRANCHIO, essere grazioso ed innocuo che popola il nostro Mare, che è anche il “Mare Nostrum”.

Allora, nel momento in cui, a mia volta, ricevevo gli onori e gli oneri di Presidente, ho deciso di mantenere per il mio Anno Sociale il simbolo a me giunto dal gusto ricco di Cultura di chi mi aveva preceduto: il detto, storico, anzi, più che storico, “archeologico” simbolo della nostra gloriosa Agrigento d’epoca Greca Classica, che era presente sulle monete coniate dal 515-510 a.C. al I sec. d.C.  dalla zecca della florida Akragas, e chiamate “statèri”. Tali monete portavano al dritto (il recto) un’aquila stante, il simbolo di Zeus, al rovescio (il verso) un granchio, a simboleggiare la vicinanza di quel mare di cui si diceva, fonte di vita e di sostentamento e, quindi, simbolo di buon auspicio; se non addirittura i granchi di fiume presenti nell’ancora magnifica sede della Kolimbètra, nella nostra splendida Valle dei Templi. La mia, dunque, è stata una scelta di condivisione di un raro gesto di Cultura operato da un Presidente che abbia così voluto ricondurre la nostra ascendenza (che ci porta spesso a sobbarcarci una mentalità più “araba” che occidentale), alle proprie nobilissime radici Classiche, di una Grecità tutta da rivalutare. Chi mi segue nei poteri decisionali di Presidente faccia per il proprio Anno Sociale ciò che liberamente gli sia consentito di decidere, così come io, altrettanto lecitamente e liberamente, sull’argomento, per l’Anno Sociale della mia Presidenza, sempre nei limiti di ciò che mi fosse consentito, ho deciso e fatto.

Il passato recente, quindi, ed il futuro del Lions Club Agrigento Chiaramonte, nelle persone degli Amici che mi stanno accanto questa sera, sono presenti in un momento che ritengo di grande importanza per il nostro Club, anche perché, abbiamo il piacere di festeggiare contemporaneamente al passaggio della Campana, la Charter, nell’importante traguardo del ventennale della fondazione del Club, avvenuta nell’Anno Sociale 1990-’91. La nostra impareggiabile Socia ed Amica, Lions Guida dott.ssa Ida Arnone Gueli, ce ne ha illustrato con sentita partecipazione i momenti salienti: un ventennale, per un Club Lions, non è poco e, lo auspichiamo, prelude a molti altri anniversari del genere, ai quali tutti ci auguriamo di essere quanto più a lungo presenti nel tempo. E qui mi corre l’obbligo di ricordare anch’io l’Amico Socio Fondatore che non è più fra noi, dott. Giuseppe Zaìa, Uomo e Lions di rara serietà e di nobile sentire, del quale non dimenticheremo mai il sorriso: sarà ancora e sempre parte del nostro Club.

Illustrarvi questa sera le scelte che io e Natalia, la mia più stretta collaboratrice in questo periodo d’intenso “Servizio Lionistico”, abbiamo operato per strutturare un intero Anno Sociale significa per me, innanzitutto, rivivere situazioni ed emozioni che ci hanno toccati personalmente già prima dell’Apertura dell’Anno Sociale stesso. All’Incoming  President Enzo Nucera, che fin dall’inizio si è dimostrato disponibile nei tempi, nei modi e nei ruoli vada ancora il mio “grazie!” per la collaborazione offertami, con disponibilità ed amicizia tutte Lionistiche. Così come uguale “grazie!” vada al gruppo di Soci che ci ha affiancati e supportati durante l’Anno Sociale e formato dalla cara, autorevole Lions Guida Ida Arnone Gueli; dagli insostituibili Amici Past Presidents Giovanni Volpe e Giovanni Calcara; dai preziosi Pino Giglio e Mimmo Mira soci fondatori; dai carissimi Tonino Graceffo e Alfonso Trizzino.

Presidente e Consorte, coadiuvati dai suddetti, quindi, ci siamo messi al lavoro da subito a pieno regime. Quale Coppia affiatata ed in assoluta sintonia d’intenti e di pensiero, sia nella vita che nell’ambito Lionistico, ed in pieno accordo con gli amici che ho nominato e con coloro che comunque ci erano e sono vicini, progettando i temi e le attività del venturo Anno Sociale, abbiamo cercato d’intravedere, tra gli innumerevoli che ci erano proposti da questo privilegio, che è nello stesso tempo un dovere ed un onere di primaria importanza e, spesso, difficoltà, un progetto “coerente e concreto” (come ha recitato il motto del nostro Governatore in questo Anno Sociale appena conclusosi), ma nello stesso tempo confacentesi alle nostre potenzialità ed ai nostri gusti.

E qui salta fuori il vero, grande problema che il nostro Club dovrebbe affrontare; la mancanza di comunicazione e di affiatamento fra il Presidente di turno ed i Soci, così come fra i soci tra loro. Parlare di amicizia, sia dentro che fuori dal Lions, deve essere sicuramente il fine e non il mezzo, in quanto l’amicizia non può e non deve esistere per i vantaggi personali che possa offrire. Pertanto, svolgere la propria attività senza danneggiare quella degli altri, essere leali con tutti e sinceri con se stessi è non solo una imprescindibile chiave di lettura dell’essere Lions, ma anche quella ben più condivisa dell’essere “Esseri Umani”: l’altruismo dovrebbe essere motivo quotidiano e disinteressato, anche se osservarlo comporti andare contro il proprio personale interesse. Sembra quasi di riascoltare quello che giunge alle nostre orecchie durante la Cerimonia che si svolge ogni qualvolta ci riuniamo, ma che non sempre riusciamo ad “ascoltare” nel vero senso della parola, traducendo l’Etica Lionistica in quella Missione che nel quotidiano dovremmo vivere, a soddisfacimento dei bisogni del prossimo che ci circonda ed ai quali, purtroppo, spesso non badiamo. E’un ragionamento Lions, ma che, come detto, non a caso, però vale per tutti.

Ma mi si dirà che qui ci vogliamo tutti tanto bene e che tutto ciò di cui sto parlando è solo il frutto di un’ipotesi errata, magari di un travisamento da parte mia o addirittura di una mia “mancanza”, da Presidente “tiranno”, che ha deciso e messo in atto ciò che ha voluto e che gli è piaciuto. NON E’ COSI’: COSI’, a quanto pare, qualcuno VUOLE CHE APPAIA !!! Direttivi, Assemblee, riunioni che hanno preceduto ogni nostra proposta di Progetto di Manifestazione durante l’anno Sociale da me presieduto non sono neanche da enumerare: sono agli Atti. Come si suol dire: CARTA CANTA, anche con “lettere programmatiche”, ed io ho ben badato a che cantasse parola per parola, conteggio per conteggio, tutto ciò che ho operato al fine anche di riuscire a trovare quel “quid”, ciò nonostante a tutt’oggi ancora misterioso, tramite il quale l’armonia ed il vero spirito Lionistico, che è fatto anche di amicizia e collaborazione tra soci e soci e tra Presidente, Staff e Soci, venisse fuori. Una sconfitta? No! Solo la consapevolezza che se si desidera un Club che sopravviva e prosperi con un univoco, concreto e sinceramente Lionistico Progetto, si debba assolutamente ritrovare, con ben più abbondante disponibilità personale da parte di ciascuno nei confronti del sempre inevitabilmente “diverso” prossimo-consocio. Tutto questo a favore di una compattezza che, purtroppo, è solo un ricordo dei tempi della giovinezza del Club; di quella sintonia che da tempo sembra andata perduta. Malessere, per la verità, non raro tra i tanti Clubs che compongono il nostro Distretto e per risolvere il quale tanto impegno si sta profondendo a livello, appunto, anche Distrettuale.

Preso atto, quindi, fin da principio che, purtroppo, non tutto nell’organizzazione delle Attività dell’Anno Sociale avrebbe funzionato a dovere, io, Natalia ed il suddetto gruppo di soci ci siamo messi al lavoro alacremente in pieno Spirito Lionistico ed abbiamo ricercato la nostra linea programmatica per il corretto e positivo svolgimento dell’Anno Sociale. La nostra scelta del Programma da mettere in atto è stata ponderata e coscienziosa e dettata sempre dall’intento squisitamente Lionistico del “We Serve” , motto nell’appena trascorso Anno Sociale del Presidente Internazionale Sid L. Scruggs III . Abbiamo quindi voluto e dovuto mettere in campo le nostre precipue capacità e potenzialità, al fine di esercitare il suddetto “Servizio” nel migliore dei modi a noi consentiti, invitando a mettersi a disposizione del Club anche nostri amici personali non Lions, i quali hanno aderito con entusiasmo, con il risultato di supportare spassionatamente e portare a compimento un Progetto complessivo che desse all’Anno Sociale quello slancio che il Club da solo e le risorse dello stesso non avrebbero sicuramente mai potuto assicurare. Del resto, se vogliamo ascoltare le recenti parole del nuovo Presidente Internazionale, il cinese Wing-Kun Tam, fra i Lions “Uno fa la differenza”. Quindi, a maggior ragione, figuriamoci tanti, se, pur non essendo Lions, ne sentono e ne adottano i princìpi ed i  comportamenti!

Ma torniamo al filo conduttore del nostro discorso: la progettazione dell’Anno Sociale. La Cultura, che coltiviamo e costantemente perseguiamo, e la sua più vicina compagna ed alleata, l’Arte, ci sono subito apparse come progetto principale proponibile e sostenibile per l’azione programmatica del nascente Anno Sociale, ovviamente affiancata da altre attività di genere diverso. E’ nato, quindi, il Progetto del Service  “IncontrArti”, che è stato da me posto quale spina dorsale e sostegno dell’intero Programma dell’Anno, essendo strutturato in sei steps, (ovvero in sei “momenti”) distinti, ma collegati ed inscindibili fra loro, in un potenziale e poi effettivo “Incontrarsi delle Arti”, nel contemporaneo “Incontrarsi nell’Arte”, che, in fondo, è una ed una sola: ecco da cosa deriva il titolo di tale Service, che ha spesso supportato le altre attività; comprese quelle di svago che sono state studiate appositamente anche per la raccolta di fondi in beneficenza…E se ne parlerà più avanti.

Un progetto complesso, allora, soprattutto ideato per autofinanziarsi e quindi essere Attività portante, sì, ma a costo zero. E così è stato. Il che ci ha consentito di sfruttare più liberamente le quote sociali, che (sia pure molte giunte in ritardo e dietro sollecitazione, poco gradevole per tutti) sono pervenute al Club ed utilizzarle addirittura per sanare debiti pregressi. Azione che intendiamo, simbolicamente e nella massima coerenza, sottolineare a conclusione dell’Anno Sociale 2010-2011, affidando l’amministrazione economica del Club, “bonificata” in gran parte proprio con tale meccanismo, alle mani di chi giusto ne sia stato diretto protagonista e testimone, collaborando con me quale Tesoriere, e che mi subentrerà nel Servizio Lionistico di Presidente.

Ed il nostro Service portante dell’Anno Sociale 2010-2011 non si conclude qui, stasera, con le suddette considerazioni: il nostro Incoming President Nucera, riconosciùtone l’alto valore di Servizio e la formula decisamente vincente, ci ha già dato mandato (da me annunciato pubblicamente durante il Concerto-Competizione di chiusura Concorso, il 29 maggio scorso) di proseguire nel nostro lavoro, al fine di organizzare la seconda edizione del Concorso Musicale Nazionale Lions Club Agrigento Chiaramonte “IncontrArti MUSIC AWARD ”, che quest’anno ha attribuito ben CINQUE Borse di Studio ad altrettanti giovani Talenti della Musica, per un totale complessivo di 2500 EURO. Anche questo è stato e, ci auguriamo, sarà ancora il Service “IncontrArti” per il nostro Club.

Come tutto ciò che nasce dalla passione e dalla convinzione che quella perseguita sia la strada giusta, si è fatto partire, dunque, l’Anno Sociale con la proposta fatta dal Club ad alcuni validi Artisti di donare una propria Opera di Pittura, Grafica o Scultura, al fine, innanzitutto, di realizzare una Mostra Collettiva d’apertura dell’Anno Sociale e di trarre, successivamente, introito economico perché il Service proseguisse correttamente senza attingere alle casse del Club, dalla vendita delle Opere d’Arte. Grandi sono stati il nostro stupore e la nostra gioia nel constatare che quel “nocciolo certo” di artisti capaci e generosi si allargasse a macchia d’olio e si arricchisse addirittura di “volontari”: il Lions Club Agrigento Chiaramonte non ha dovuto “chiedere” generosità, ma dagli Artisti delle Arti Visive tale generosità è giunta copiosa e spontanea, con 35 Artisti partecipanti, ciascuno con una o più Opere; e, con essa, il supporto programmatico e l’aiuto materiale di diversi di quegli stessi Artisti, che, oltre alle proprie Opere hanno donato e profuso un impegno ferreo e costante perché tutto riuscisse al meglio. Perfino la collocazione ambientale ed il montaggio della Mostra stessa, che è stata inaugurata all’Apertura dell’Anno Sociale, il 7 novembre 2010, con lusinghiero successo, nella Hall del Sikania Park Hotel di Siculiana, sede sociale del Club, ed ha ricevuto, il 21 novembre 2010, una visita estemporanea del Governatore Scamporrino, e del suo Staff, che ci hanno onorati della loro presenza.

L’apprezzamento del Governatore Scamporrino e del suo Staff ed il loro incoraggiamento, anche in sede di Riunione nel corso dell’Annuale Visita Amministrativa nel mese di novembre, ha ulteriormente consolidato la nostra determinazione ed il nostro credere in noi stessi e nel nostro Service “IncontrArti”, coadiuvati dai mezzi mèssici a disposizione dalla moderna tecnologia e che hanno dato modo a Natalia di creare e gestire ben due siti Internet per il Club ed un Profilo sul tanto discusso Facebook  (che nel nostro caso si è dimostrato, insieme al notiziario flash “Twitter” , un impareggiabile “tam tam” di portata realmente globale!), nonché di collaborare attivamente, tramite le news dal Club e numerosi propri Articoli, soprattutto di argomento storico-artistico, con la Rivista Distrettuale cartacea LIONS, il suo Supplemento Telematico 108 YB NEWS  e la sua appendice “Notiziario Lions Sicilia” su Facebook .

Iniziando a parlare dello svolgimento di IncontrArti, nonostante si sia coerentemente intersecato nel tempo con tutte le altre attività del Club, mi riservo, a favore di linearità e comprensibilità, di ricordare queste ultime dopo aver tracciato a grandi linee il percorso del Service principale.

Alla Mostra a cui prima accennavo, è seguita la pubblicazione del pregevole Catalogo. La sua presentazione ha avuto luogo nell’Auditorium di Realmonte il 5 febbraio 2011, in contemporanea con la riapertura ufficiale della Collettiva nella Pinacoteca Comunale di Realmonte, alla presenza del Sindaco della cittadina prof. Piero Puccio: si è così realizzato il secondo, importante step del nostro  percorso. Il momento della Presentazione del Catalogo era volto alla rinnovata fruizione dal vivo delle Opere, alla concreta documentazione editoriale della nostra rilevante Attività Espositiva, alla diffusione quanto più ampia possibile delle immagini dei Lavori in vendita, nonché alla meritata gratificazione degli Artisti partecipanti, presenti con una pagina ciascuno nel ricco Catalogo, curato personalmente dal Presidente della Galleria L’Altro-Artecontemporanea di Palermo Nicola Aniello Bravo nella veste grafica ed editoriale, da Natalia, nell’ideazione, Direzione Artistica e commento critico, e da me, nella sua prefazione.

Detto Catalogo, che è stato ampiamente e gratuitamente distribuito nella serata e poi a chiunque ne facesse richiesta, è visualizzabile pure on line nei nostri siti e presto (sempre sul web) anche nell’”Archivio Lions Clubs Sicilia”. A questo (apro una parentesi) Natalia invierà in blocco tutti i nostri rapporti al Multidistretto ed al sito Internazionale, corredati di relative foto, così come ci è stato richiesto dall’amico dott. Andrea Donsì, che ne è il Responsabile e che ha già inserito di propria iniziativa materiale riguardante il nostro Anno Sociale.

Il 3° step, come previsto, è stato poi rappresentato dall’Happening  di Pittura a favore della “Giornata del Risparmio Energetico”. Evento celebrato e messo in atto abbracciando l’Iniziativa RAI di Radio2 “CATERPìLLAR” e della Galleria l’Altro-Artecontemporanea di Palermo: “M’illumino di meno, m’illumino di Altro”, Pittura a lume di candela degli Artisti di “IncontrArti”, il 18 febbraio 2011, sempre alla Pinacoteca  di Realmonte, nella location della nostra Collettiva ancora in Mostra. E’ stato anche il nostro “Omaggio” celebrativo dell’Anno Sociale al 150°Anniversario dell’Unità d’Italia, che abbiamo, sempre con coerenza e concretezza, voluto celebrare “in Arte”, grazie al tema pittorico stabilito appositamente per i noti Artisti partecipanti. E’ stato veramente un tripudio di Tricolore e di ottima Pittura e Scultura, che ci ha portati ad essere presenti, come era già avvenuto, a nostra insaputa, con numerose altre foto fin dall’apertura di “IncontrArti”, nell’Album Ufficiale del Lions Club International su Internet. I Lions statunitensi del Quartier Generale di Oak Brook che gestiscono l’Album sono rimasti particolarmente affascinati dall’idea della Pittura a lume di candela e dalla sua concreta realizzazione e ce lo hanno espresso con lusinghieri apprezzamenti sul web e via e-mail.

Il 26 febbraio 2011 si è poi tenuto nell’Auditorium di Realmonte il 4° step del Service: l’Asta delle Opere della Mostra. Il momento della vendita è stato un momento cruciale, ovviamente, che ha determinato l’effettiva disponibilità economica del Club nell’affrontare adeguatamente i progetti di imminente realizzazione. Abbiamo confidato nella generosità di chi sia stato presente all’Asta, che è avvenuta ad ingresso libero e gratuito, ed in quella di chi, sia prima che dopo tale evento, abbia voluto dare il proprio contributo, acquistando alcune Opere o tentando la sorte con uno o più biglietti abbinati a quelle che sono andate pure in sorteggio.

Momento non facile, l’Asta, dunque, ma certamente supportato dalla sicurezza dell’essere coadiuvati da Persone che “credono” fermamente nella Cultura, nell’Arte e nella loro forza propulsiva che possa essere rivolta, in questo caso, ad un “Obiettivo Giovani” che è già da tempo nei programmi del Lions Club International, in Italia e nel Mondo, costituendone una delle Campagne d’Azione Globali dell’Anno Sociale appena conclusosi da noi maggiormente seguite e soprattutto il “GOAL” del nostro Progetto “IncontrArti” in tale Anno Sociale 2010-2011.

Infatti, la riuscita dell’Asta ci ha permesso di pubblicare on line e sui media le “fondamenta” di tale “Goal” e successivo 6° step: il Bando Ufficiale del  Concorso Nazionale Lions Club Agrigento Chiaramonte “1°IncontrArti MUSIC AWARD” , Borse di studio per giovani talenti della Musica dai 16 ai 22 anni e per i giovanissimi delle scuole secondarie di primo grado ad indirizzo musicale della VII Rassegna-Concorso Nazionale “Euterpe, Mediterraneo in Musica”, che si svolge ogni anno al Palacongressi di Agrigento. Il Concorso per gli strumentisti con limiti di età superiori è stato stabilito che si svolgesse nell’Auditorium di Realmonte il 27, 28 e 29 maggio 2011.

Il nostro intento è stato non solo quello di supportare i giovani vincitori nei propri studi musicali con le borse di studio affiancate ciascuna da un’Opera d’Arte della Mostra di “IncontrArti”che ne fosse parte integrante, ma anche quello di vederli “tentare” la grande “avventura” della “Global Youth Music Competition” del Lions Club International: se lo strumento musicale, dopo la stasi prevista nel 2012 (così come siamo venuti a conoscenza dagli scambi di posta elettronica tra Natalia ed il Quartier Generale di Oak Brook), scelto dal Board Lions, sarà uno di quelli suonati dai nostri Talenti, saremo onorati di farli partecipare alle prossime Selezioni, facendoli godere di un’irripetibile esperienza e di una straordinaria opportunità come quelle donate dal più grande Concorso Musicale Giovanile del Mondo, per il quale è stato recentemente premiato, alla Convention Mondiale Lions di Seattle, negli Stati Uniti, il giovane vincitore per la chitarra classica.

5°step, nel frattempo: l’Happening all’aperto “M’illumino di più, m’illumino di Sole”. Nel metterlo in atto, il Club, ancora e sempre nell’obiettivo “Coinvolgiamo i giovani”, si è rivolto ai Giovanissimi delle Scuole secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo Garibaldi di Realmonte.

Il 9 aprile 2011, cinque Artisti professionisti di IncontrArti hanno dipinto tutti insieme sulla stessa grande tela alla luce del sole, mentre numerosi studenti, guidati dal proprio Professore di Educazione Artistica e dagli Artisti, facevano lo stesso, compiendo anch’essi un grande dipinto, ispirato al paesaggio visibile dalla loro Scuola, che metteva in risalto, in particolare, la presenza sul territorio delle pale per l’energia eolica e dei pannelli per l’energia solare. Tutto ciò nell’ottica della celebrazione della “Giornata mondiale della Terra”, sempre a favore del Risparmio Energetico, per la Campagna Globale “Proteggiamo il nostro Ambiente” lanciata dal Presidente Internazionale per il mese di aprile 2011. Questa volta i giovani e meno giovani Artisti hanno dipinto tutti insieme all’aperto, alla luce naturale, simbolicamente  attuando l’opposto di M’illumino di meno, m’illumino di Altro”, l’Happening  a lume di candela, 3° step di “IncontrArti”.

Nel costante contatto tenuto con il Quartier Generale di Oak Brook, grazie all’insostituibile mezzo informatico, l’Evento alla luce del sole ci ha portati, il 25 aprile 2011, ad essere presenti con una grande fotografia dell’Happening  e relativo commento della Redazione Internazionale, come “Photo of the week”, “Foto della settimana” con l’eloquente titolo (tradotto dall’inglese) “Il Lions Club Agrigento Chiaramonte celebra il nostro Ambiente”, sul Lions Club International BLOG, sito Internet d’informazione Lionistica globale in tempo reale, gestito dal Presidente Internazionale Scruggs in persona e dal suo Staff: un onore ed un privilegio da considerarsi un vero riconoscimento tributato dai vertici dell’Associazione al nostro incessante ed appassionato lavoro e per il quale il Governatore Scamporrino stesso si è compiaciuto e complimentato con noi.

Io credo che la partecipazione attiva al Blog Internazionale sia stata per il nostro Club, e lo sia anche per tutti gli altri, di fondamentale importanza per conoscere i Progetti ai vertici del Quartier Generale e far conoscere i propri. Abbiamo richiesto e prontamente ottenuto di essere “linkati”, ovvero “collegati con un click in tempo reale” non solo dal nostro sito principale al Blog Internazionale, ma soprattutto viceversa, figurando tra i soli 66 collegamenti diretti del Presidente Internazionale con Clubs di tutto il mondo. E lì siamo e resteremo (per l’Italia solo insieme al Lions Club di Trieste San Giusto) con la dicitura “Lions Club Agrigento Chiaramonte, Italian”, cliccabile da quel sito privilegiato. Infatti, il nuovo Presidente Internazionale Tam, insediatosi ufficialmente il 7 luglio scorso, ha espresso la volontà di proseguire senza soluzione di continuità nel curare personalmente e con il proprio nuovo Staff lo stesso BLOG. Trovo questo un mezzo fantastico, grazie anche a chi lo gestisce con grandi gentilezza e professionalità. I fatti che hanno visto costante protagonista on line il nostro Club, oggi realmente conosciuto ed apprezzato nel mondo, lo dimostrano ampiamente, non quale fine, ma quale mezzo.

Lavorare in collaborazione ed in concordia d’intenti e curando l’informazione reciproca anche direttamente alla fonte e tra Clubs pure lontanissimi in termini di spazio, credo che rientri in pieno nello spirito Lionistico del “Servire insieme” di ogni Lions Club che operi ormai nel III Millennio. Allo stesso modo, però non abbiamo mai trascurato la comunicazione interna al Club, inviando con precisione e celerità, inviti, resoconti, lettere, e-mails e comunicazioni di ogni nostra attività a tutti i nostri Soci, alle Autorità Lionistiche, a Presidenti e Staffs degli altri Clubs a noi vicini ed agli Ospiti illustri e graditi che ci hanno spesso onorati della loro presenza. L’”Informazione”, unita alla “Comunicazione” che le è strettamente correlata, infatti, sia verso l’interno che verso l’esterno del Club, è stata, insieme all’Arte, il “leit motive”  della  mia Presidenza; ma non certo per piaggeria: per amore di corretta divulgazione e per esplicite direttive del Distretto e del Multidistretto. Così come è sempre stato dato ampio spazio decisionale ai Soci che si sono resi presenti nelle Assemblee e nei Direttivi, costantemente e regolarmente da me convocati, come accennavo all’inizio, con apposite comunicazioni a tutti gli interessati. Che poi anche la popolazione, diciamo “non Lions”, si sia sentita coinvolta nelle nostre attività e lo abbia dimostrato con la propria folta presenza in sala ad ogni Evento dell’Anno Sociale, non può che confermarci che chiarezza, limpidezza e trasparenza, nonché apertura verso l’esterno ed ampia diffusione di ogni nostro accadimento di Club, siano state le caratteristiche della nostra gestione e che siano state messe debitamente in atto con ogni mezzo a nostra disposizione ed in tal modo ampiamente recepite da tutti coloro che ne siano stati sinceramente interessati e disposti a partecipare, almeno con la propria presenza, agli Eventi dell’Anno Sociale della mia Presidenza.

Nessuno ha aiutato il Lions Club Agrigento Chiaramonte nella propria difficile impresa di “IncontrArti”, se non la passione di noi Organizzatori e l’aiuto volontario che gli Artisti delle Arti Visive e poi quelli della Musica ci hanno dato, confidando il Club nei ricavati dell’Asta, delle vendite delle Opere, sì, ma anche nelle Amministrazioni locali: il Comune di Realmonte ci ha offerto una somma di 500 euro e, per ringraziarlo, il grande dipinto (160 cm. X 140) degli Artisti Professionisti di “M’illumino di più, m’illumino di sole”, è stato da noi donato al Palazzo Municipale, e già figura nell’Ufficio del Sindaco prof. Puccio. Ed abbiamo riposto fiducia anche negli Sponsors, che, comprendendo la valenza e la portata del Progetto Lionistico, nonostante il difficile momento finanziario nazionale, sono stati perfino essi stessi a chiederci di contribuire senza nulla pretendere in cambio. Non abbiamo avuto ugualmente grande disponibilità economica, ma siamo stati fortemente motivati ed è stato il nostro Club, da solo, a portare avanti ed a concludere positivamente un Service che in diversi ritenevano quasi un’utopia.

Ed  eccoci giunti, quindi, al nostro GOAL, 6° step: il Concorso Nazionale “1° IncontrArti MUSIC AWARD”.

Grande successo il 29 maggio 2011 all’Auditorium di Realmonte per l’attesissimo Concorso, che con la sua prima edizione ha concluso il Service portante dell’Anno Sociale 2010-2011 del Club.

Dopo due intensi giorni di audizioni degli undici Candidati ammessi a concorrere, ben sei finalisti, provenienti anche da altre regioni d’Italia, si sono confrontati ad altissimi livelli, confermando lo spessore e la portata del Progetto “IncontrArti”, che si è dimostrato così assolutamente inedito e definitivamente vincente.

L’autorevole Giuria, formata dai Maestri Claudio Montesano, direttore dell’ Istituto Superiore di Studi Musicali “Toscanini di Ribera”,  Giovanni Anastasio, docente di violino all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Bellini” di Catania,  Stefano Sanfilippo, direttore d’orchestra, docente di accompagnamento pianistico nello stesso Conservatorio,  Stefano Tesé, pianista, docente di Educazione Musicale e Anna Maria Van Der Poel, flautista, docente di Educazione Musicale, era presieduta dalla mia Natalia, che ha svolto i ruoli fondamentali di Organizzatrice e Direttore Artistico della Manifestazione.

Il livello dei concorrenti, talenti indiscutibili dai 16 ai 22 anni, ha portato la Giuria ad una votazione a scrutinio segreto strutturata in centesimi e la differenza di punteggio fra i tre vincitori è risultata assolutamente esigua.

Il primo premio, composto da una borsa di studio di 900 euro, un dipinto originale d’Autore dal Catalogo di “IncontrArti”, dal trofeo della Manifestazione e dal Diploma Ufficiale Lions di Primo Premio, valido a tutti gli effetti ai fini curriculari dei concorrenti, è andato al ventunenne clarinettista Giuseppe Villa, originario di Realmonte, ma proveniente dal Conservatorio di Santa Cecilia in Roma, vincitore già di numerosi concorsi: un musicista tecnicamente ferratissimo che è stato anche capace di far “cantare” il proprio strumento in maniera incantevole, interpretando magistralmente un brano di Mozart.

Premio, borsa di studio di  450 euro, quadro d’Autore dal Catalogo, medaglia Lions e Diploma Ufficiale Lions di Secondo Premio a Mario Bonanno, sedici anni, pianista catanese, dotato di rare doti musicali ed intepretative, capace di rendere fruibile ed espressivo un brano virtuosisitico di Listz.

Sempre Listz, di cui ricorre quest’anno il 200° anniversario della nascita, per il 3° Classificato, Corrado Valvo, di Noto, vent’anni, pianista dal temperamento di fuoco e dalla tecnica perfetta, aggiudicatosi una borsa di studio di 350 euro, un quadro d’Autore dal Catalogo, medaglia Lions e Diploma Ufficiale Lions di Terzo Premio.

I tre vincitori, ove lo strumento suonato dovesse consentirlo, saranno avviati, come prima accennato, alle selezioni per la Lions Global Youth Competition.

I tre pregevoli dipinti, dei Maestri Gerlando Meli (a Villa), Giovanni Proietto (a Bonanno), e Domenico Cocchiara (a Valvo), sono stati estratti a sorte dai tre vincitori.

Due menzioni speciali della Giuria, inoltre, alla pianista di Ribera Giusy Ines Tuttolomondo, con un brano di Debussy ed all’Ensemble di Realmonte “L’Estro Armonico“, sei violini, due violoncelli e pianoforte con Bach e Vivaldi. L’Ensemble si è aggiudicato, inoltre, un Concerto Premio, offerto dal F.A.I., Fondo Italiano Ambiente, da eseguirsi nel giardino della Kolimbetra nel prossimo agosto.

Diplomi Ufficiali Lions di Finalista e medaglia Lions, infine, ai violinisti Giulio Menichelli e Giulia Zappalà ed all’oboista Francesca Scavo. A tutti i finalisti, quindi, Diplomi Ufficiali e, come prima si accennava per i vincitori, strutturati e firmati per essere validi ad ampliare ed arricchire i loro curricula.

Un avvenimento, quello del Concorso Musicale (di cui, come accennavo prima, con l’assenso del nostro Presidente Incoming Enzo Nucera, è stata da me preannunciata pubblicamente la prosecuzione con la seconda edizione 2012) che ha visto anche due borse di studio di 500 e 300 euro, con i Premi “Lions for òrchestra Euterpe” e “Lions for Solo Euterpe”, aggiudicati rispettivamente alla migliore Orchestra esecutrice di un brano tratto dal repertorio classico ed al miglior Solista della Rassegna-Concorso Nazionale “Euterpe, Mediterraneo in Musica” per i ragazzi delle scuole secondarie inferiori di primo grado ad indirizzo musicale, giunta quest’anno alla sua VII edizione.

Le due Borse di Studio destinate alla Rassegna-Concorso sono state consegnate, nella serata Finale della Manifestazione, il 21 maggio 2011 nell’affollatissimo Palacongressi di Agrigento (alla presenza del Sindaco di Agrigento Marco Zambuto, socio del Lions Club Agrigento Host, e di numerose Autorità Scolastiche e Civili) all’”Orchestra Scolastica in Rete” di Palermo, diretta dal M°. Giovanni D’Emma, ed alla flautista Marianna La Mattina di Campobello di Licata.

Abbiamo il piacere di avere qui fra noi la colonna portante della Rassegna Concorso “Euterpe, Mediterraneo in musica”, la neo-eletta Presidente del Lions Club “Aragona, Comitini, Grotte, Racalmuto (“Zolfare”), Ispettrice Scolastica Giovanna Zaffuto, a cui vadano i nostri complimenti per il nuovo prestigioso incarico, così come vadano agli amici dott. Antonio Garufo, Past President dell’Agrigento Host e Consorte, assenti, purtroppo, per gravi motivi personali; all’amico Past President del Club Zolfare, dott. Angelo Collura, che è stato designato dal Governatore Sebastiano Di Pietro quale nuovo Presidente di Zona, che vediamo qui con la Consorte; all’amico dott. Giovanni Pedalino, Past President dell’Agrigento Valle del Platani anch’egli qui presente con la Consorte.

La chiusura di “IncontrArti” 2011 con la prima edizione dell’omonimo Concorso Musicale Nazionale si colloca allora perfettamente nell’ottica del programma del Lions Agrigento Chiaramonte nel presente Anno Sociale, incastonandosi, quale gemma conclusiva, in un contesto di Manifestazioni Lionistiche “per”, “con” e “nell’”Arte.

Possiamo allora reputarci soddisfatti della riuscita dell’intero, impegnativo Progetto portante e ne sarà coronamento, nei prossimi mesi, la pubblicazione di un apposito articolo sulla Rivista Internazionale LION Magazine, diffusa in tutte le lingue, in tutto il mondo. Il frequente contatto e-mail  di Natalia con il Senior Editor Jay Copp, che, già fornito di materiale scritto su IncontrArti” inviatogli su sua richiesta, attendeva ad Oak Brook le foto dei nostri vincitori, si è dimostrato positivo ed abbiamo da lui ricevuto conferma della prossima pubblicazione della nostra “story”, un articolo sul nostro Concorso Musicale, corredato dalle foto della Manifestazione, che anch’esse gli sono state prontamente ed adeguatamente inviate. Un ulteriore riconoscimento internazionale che ci rende orgogliosi e che non mancherà di riecheggiare nel mondo lionistico, soprattutto italiano, che necessiterebbe, a detta proprio del Copp, di maggiore vivacità e che dovrebbe comunque affidarsi maggiormente ai moderni mezzi di comunicazione nei quali noi abbiamo creduto e che si sono dimostrati insostituibili ed imprescindibili, portandoci pure a figurare (anche a nostra insaputa, come prima accennato!), con le foto salienti dell’intero Anno Sociale, sull’Album Fotografico Ufficiale Internazionale del Lions Club International sul web e sul suo Channel Ufficiale di You Tube, (il maggiore network riguardante l’espressione visiva mondiale su internet) con due video, pubblicati tra i “Preferiti” della Redazione Web di Oak Brook tra le migliaia che, come le foto, arrivano in quella sede ogni giorno da tutto il mondo. Ne siamo onorati e lusingati. Tutto ciò è documentato e consultabile nei nostri siti sul web: troverete l’indirizzo per connettervi al principale di questi sul retro del pieghevole dell’invito a questa Serata, così come su quelli che lo hanno preceduto. Inoltre, lo spazio dedicato al Club nei rispettivi Siti Ufficiali del Distretto e del Multiditretto e lo spazio sul Sito Ufficiale Web del Lions Club International a quest’ultimo collegato, sono stati da Natalia costantemente utilizzati in pieno ed i “rapporti mensili”, richiesti a gran voce dal Distretto a tutti i Clubs della Sicilia, dal nostro non hanno mai mancato di arrivare puntualissimi a destinazione.

I programmi del nostro Club, naturalmente, come detto all’inizio, hanno compreso anche altre Manifestazioni di genere diverso, ma spesso collaterali ad IncontrArti e faccio solo un cenno alla nostra partecipazione a Palermo, l’11 e 12 febbraio scorsi, alla Conferenza d’Inverno e ad altre riunioni Ufficiali di Distretto e Circoscrizione. Ed, a proposito di Circoscrizione, colgo l’occasione per salutare l’amico dott. Michele Cirafisi, presente con noi al tavolo della Presidenza alla Cerimonia di apertura dell’Anno Sociale il 7 novembre 2010, quale Presidente di Circoscrizione; era previsto che fosse con noi questa sera insieme alla gentile Consorte, ma non ha potuto essere presente per motivi di salute, e ci invia i suoi più cari saluti e migliori auspici per il nostro Incoming President Nucera.

Riprendendo il filo del discorso sulle nostre Attività, a novembre 2010 abbiamo partecipato, con successiva premiazione delle nostre tre partecipanti, al Concorso Globale “Un poster per la pace” (Campagna Lions d’Azione globale “Coinvolgiamo i Giovani” per noi sempre in primo piano!). Alle ragazze autrici dei migliori posters, i cui lavori sono stati selezionati e scelti da apposita Commissione, infatti, è stato consegnato un attestato di partecipazione durante la Festa di Natale 2010.

Abbiamo puntato il nostro obiettivo anche sulla Medicina, con il Convegno Medico “Progetto Italia,: le nostre azioni umanitarie in Africa”, strutturato dal Multidistretto per raccogliere fondi in beneficenza per l’acquisto di vaccini contro il morbillo per i bambini Africani. Il nostro Convegno si è svolto a Siculiana il 29 gennaio 2011 e ringrazio l’amico dott. Carmelo Vitello che ci ha affiancati nell’organizzazione. Gli Illustri Relatori Dott. Domenico Di Rosa, Infettivologo, e Dott. Giuseppe Infantino, Dirigente A.S.P. “Agrigento Servizi Epidemiologia”, hanno sottolineato la pericolosità di questa malattia, che ormai noi occidentali tendiamo a considerare “banale”, ma che in Africa uccide ancora migliaia di bambini. Le conclusioni della serata sono state tratte dalla nostra Socia Dott.ssa Ida Arnone Gueli, Responsabile di Area per la IX Circoscrizione-Agrigento proprio del Service Medico “Progetto Italia”. Grazie a questo evento di livello Multidistrettuale, sempre tramite le Opere d’Arte di “IncontrArti” messe a sorteggio, siamo stati in grado di consegnare un assegno di 500 euro direttamente nelle mani della nostra Ida, cifra sufficiente per l’acquisto di più di 250 dosi di vaccino. Quindi, più di 250 bambini Africani, Nigeriani soprattutto, hanno ricevuto, per quanto riguarda il solo nostro Club, il dono inestimabile della salute e molti di loro addirittura hanno avuto salva la vita. Questo ci rende orgogliosi di essere Lions!

Altra attività, che seguiva un Incarico Distrettuale a me assegnato nell’anno stesso della mia Presidenza, è stata l’impegnativa e prestigiosa Giornata di Studio Distrettuale sul “Governo del Territorio”, svoltasi a Messina il 14 maggio scorso, sotto la presidenza dell’inossidabile Past Governatore ing. Cesare Fulci, con la partecipazione del Governatore Scamporrino, dell’allora Primo Vice-Governatore, oggi Governatore, Sebastiano Di Pietro e dell’allora secondo Vice-Governatore dott. Antonio Pogliese; evento che mi ha visto personalmente fra i Relatori, prima dell’intervento di tali Vertici Distrettuali, in quanto autore di un capitolo del libro, edito per l’occasione, “Governare i Territori, Indirizzi e strategie per la Sicilia in Europa”, insieme a firme illustri del Professionismo Lionistico e non.

E  non è mancato, ovviamente lo svago per i nostri Soci, come si è dimostrata la Conviviale di Natale 2010, di cui si diceva, che ci ha dato, però, anche la possibilità di raccogliere, sorteggiando pure una scultura dal Catalogo di IncontrArti, una congrua somma di denaro che è stata a gennaio consegnata in beneficenza a due strutture di Assistenza: la Mensa della Solidarietà di Agrigento e l’Associazione Mondo X di Favara; Colgo l’occasione per ringraziare la nostra Cerimoniera, insegnante Angela Castrovovo, che ha preso parte alla serata ed alla consegna della beneficenza ad Agrigento, così come al Poster per la Pace ed al nostro Convegno Medico.

Ancora Beneficenza in occasione della bella Festa di Carnevale in maschera, per la quale abbiamo potuto donare, insieme ai L.C. Agrigento Valle del Platani, allora presieduti rispettivamente dall’Amico dott. Giovanni Pedalino e l’Aragona, Grotte, Comitini, Racalmuto “Zolfare”, dall’amico dott. Angelo Collura, un televisore maxi schermo 45 pollici al plasma ai detenuti del Carcere di Contrada Petrusa di Agrigento. Ringrazio nuovamente gli amici Presidenti anche per l’amichevole contatto e collaborazione tra Clubs, che hanno messo in atto insieme a noi durante l’intero Anno Sociale.

Ed a questo punto, dopo tanti ringraziamenti, consentitemi di ringraziare colei che mi ha affiancato in ogni istante con inestinguibile pazienza e rare capacità creative, organizzative e di comunicazione: Natalia . E’ stata lei a creare e fare funzionare come un orologio, quale Press Promoter,  un Ufficio Stampa del Club che non era mai esistito prima e che è stato il fiore all’occhiello dell’intero Anno Sociale della mia Presidenza. A lei, quindi, dobbiamo anche l’input e la prosecuzione dell’attenzione costante e sincera che i mezzi di comunicazione di massa ci hanno riservato: giornali cartacei e web ed emittenti televisive ci hanno dedicato, anche in piena autonomia, ampi spazi ed ampia diffusione di notizie, che sottolineano pure l’aderenza del nostro comportamento alle direttive in merito che ci giungevano dal Distretto e dal Multidistretto e di cui ho accennato. Oltre duecento tra articoli e comunicati stampa pubblicati da testate web e cartacee, cinque interviste a me e Natalia sul TG di TVA, due inviti, entrambi da me onorati, alla partecipazione al Talk Show “Target” e la trasmissione di due “Speciali”, uno su Euterpe e l’altro dedicato alla messa in onda del documento video che raccoglie tutte le attività del mio mandato, sempre trasmessi da questa in orari di alta “audience”, non mi sembrano cosa da poco.

Ecco: questi siamo noi…Questo è stato, nell’Anno Sociale 2010-2011, il Lions Club Agrigento Chiaramonte affidato alla mia Presidenza. Un anno non facile, vissuto intensamente in prima persona, ma fonte di soddisfazioni e, soprattutto, dimostratosi “vincente e convincente” nel sempre presente obiettivo del “We Serve” e nelle gratificazioni che ci giungevano incessantemente dagli Stati Uniti e dai Lions Clubs dell’Indonesia e dell’America Latina soprattutto e che, altrettanto incessantemente, recepivamo, rispondendo a tutti e ringraziando sempre con lionistico, ben riposto orgoglio. Abbiamo tirato dritto, a testa alta, e ci siamo fatti conoscere per quello che abbiamo saputo fare, ripeto sempre non come fine, ma come mezzo; a dimostrazione, se ce ne fosse stato bisogno, che il motto shakespeariano da me scelto per l’anno della mia Presidenza (il quale in italiano recita “Il nostro destino è in noi stessi”), collocato nella nostra non sempre felice realtà lionistica agrigentina, ha decisamente colto nel segno.

AD MAIORA, dunque, all’Arte, regina dello Spirito Umano, a coloro che la praticano e la diffondono anche a scopi Umanitari ed a coloro che l’abbracciano con l’intenzione meritevole di farne la propria futura Professione di Uomini e Donne consapevoli e responsabili nell’ambito della Società: noi, nell’Anno Sociale 2010-2011, ce l’abbiamo messa tutta perché, nel nostro piccolo, un aiuto concreto giungesse ai più giovani di loro; ed abbiamo voluto documentarlo, tale anno, per ricordarlo e soprattutto per ricordarne, per prima cosa a noi stessi, i principi Lionistici fondanti da cui è scaturito. Questo, tramite un breve e vivace videoclip che adesso avremo il piacere di mostrarvi.

Grazie a tutti.

Giuseppe Vella

Annunci